Via Pastorino 12, 15076 OVADA (AL)
Tel. 0143/86350 - Fax 0143/835061
ALIS00700D@istruzione.it;
segreteria@barlettiovada.edu.it;

15 dicembre Open Day allIstituto Barletti

15 dicembre Open Day all'Istituto Barletti

Domenica 15 dicembre si terrà il consueto OPEN DAY nel nostro Istituto, docenti, personale scolastico e studenti sono a disposizione per accompagnarvi nella visita dei nostre aule e laboratori e mostrarvi alcune delle nostre molteplici attività curriculari ed extracurriculari. Gli orari per venirci a trovare saranno dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17 nelle sedi di via Pastorino,10 e di via Galliera, 91.    

CONTRIBUTO SCOLASTICO VOLONTARIO

CONTRIBUTO SCOLASTICO VOLONTARIO

Modalità di pagamento Conto Corrente Postale n° 18446112 IBAN POSTA IT37T0760110400000018446112  

Calendario esami ECDL

Calendario esami ECDL

Calendario esami Ecdl


STUDENTI DEL BARLETTI ALLHACKATON DIGITALE

STUDENTI DEL BARLETTI ALL'HACKATON DIGITALE

Nei giorni 1,2 e 3 ottobre 2019 quattro studenti dell’indirizzo Scienze Applicate (Niccolò Moretti, Luca Onorio , Giulia Parodi della 4A e Alessia Zunino della 4B) hanno partecipato all’Hackathon che si è svolto ad Acqui Terme, promosso dal MIUR nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale, accompagnati dalla Prof.ssa Ivana Camera, in qualità di docente Tutor. Un’hackethon è una maratona co-progettuale che ha come obiettivo quello di stimolare l’attitudine alla partecipazione attiva degli studenti, generare in loro maggiore fiducia nelle proprie capacità e idee, ma anche misurarli su sfide legate ad una tematica specifica. La sfida proposta nel’hacketon di Acqui Terme richiedeva di progettare una soluzione innovativa, sostenibile e replicabile per la promozione del turismo locale e per la valorizzazione delle risose del territorio. I partecipanti, in tutto 80 studenti provenienti da scuole delle province di Alessandria, Cuneo, Genova e Savona,  sono stati divisi in team eterogenei di 8 studenti; il primo giorno gli "hackers" hanno partecipato ad una sessione formativa nella quale è stata presentata la sfida e sono stati forniti gli strumenti necessari per sviluppare il progetto. Il secondo giorno e la mattinata del terzo giorno sono state dedicate alla progettazione  e all’elaborazione della sua presentazione.  I progetti sono stati valutati da una giuria di esperti che ha vedeva, tra gli altri, la presenza di Piera Levi Montalcini, nipote della celeberrima Rita Levi Montalcini, la quale ha affermato che: "il vero premio, indipendentemente dalla classifica finale, consiste nel partecipare ad un'esperienza come questa". La partecipazione all'hackaton prevedeva il soggiorno presso la città ospitante per tutte e tre le giornate; ciò ha contribuito ad offrire agli studenti momenti di socializzazione e di approfondimenti culturali (alla sera sono stati organizzati concerti musicali). Complimenti ai nostri 4 studenti che hanno raccolto la sfida e si sono messi in gioco, dimostrando massimo impegno e responsabilità durante le tre giornate di maratona.   Per approfondire: cosa è un Hackathon?

CORSO DI SICUREZZA STRADALE

CORSO DI SICUREZZA STRADALE

L’Istituto di Istruzione Superiore C. Barletti Ovada ha organizzato incontri di sicurezza e prevenzione stradale per gli studenti delle classi 3ª,4ª e 5ª, in collaborazione con l’autoscuola Zunino-Bisio che ha invitato Manuel Nardin, esperto e persona coinvolgente per i nostri ragazzi. In considerazione del poco tempo a disposizione, non si ha avuto la presunzione di effettuare per intero un corso di educazione stradale ma si è preferito far riflettere i ragazzi, per aumentarne la consapevolezza e la sicurezza in strada. Sono stati analizzati i limiti dei cinque sensi di cui l’uomo è dotato, evidenziando quelli maggiormente coinvolti nella guida e realizzando esercizi sulle possibilità dell’occhio umano. Fondamentale è il concetto che l’educazione stradale non debba terminare quando si esce dall’autoscuola ma, al contrario, che, da quel momento, inizi un personale percorso formativo tale da condurre, ogni giorno, a migliorare le proprie conoscenze e competenze, in funzione non solo delle regole del codice della strada, ma anche della tecnica di guida dei veicoli (in continua evoluzione) e del proprio stato psico-fisico (età, stato di salute, attenzione, etc.).  

DIGITAL MATH TRAINING

DIGITAL MATH TRAINING

BRILLANTI RISULTATI PER GLI STUDENTI DEL LICEO SCIENTIFICO DI OVADA NELL’AMBITO DEL PROGETTO “DIGITAL MATH TRAINING” ARGENTO PER LO STUDENTE ANDREA GRANATO Durante l’anno scolastico 2018/2019 l’istituto “Barletti” di Ovada ha partecipato al progetto “Digital Math Training” proposto e coordinato dal Dipartimento di Matematica Giuseppe Peano dell'Università di Torino. Tale iniziativa si inserisce nell'ambito del programma “Diderot” della Fondazione CRT, grazie al quale tutte le scuole secondarie del Piemonte e della Valle d'Aosta possono integrare i propri piani di offerta formativa con un ricco programma di lezioni, laboratori e altre attività. A tale progetto hanno aderito 120 classi con un numero complessivo di 3.000 studenti tra tutto il Piemonte e la Valle d’Aosta. Per l’istituto “Barletti” di Ovada questo progetto ha coinvolto tutti gli alunni delle classi quarte del liceo scientifico “Pascal” e del liceo scientifico OSA. Dopo una serie di incontri di formazione in presenza e in piattaforma per imparare a risolvere problemi contestualizzati con l’utilizzo di un Ambiente di Calcolo Evoluto (ACE Maple) e un training di tre mesi di attività, si è giunti alla gara semifinale per la selezione di 75 finalisti. Tra tutti i partecipanti del “Barletti”, sono risultati finalisti gli alunni Andrea Granato, Alessandro Valfrè, Federico Giacobbe del liceo scientifico “Pascal e Matteo Grosso del Liceo Osa. Il 9 maggio, presso il Dipartimento di Matematica G. Peano dell'Università di Torino, si è svolta la gara finale del progetto “Digital Math Training” alla quale hanno partecipato i 75 studenti selezionati tra i 3000 del Piemonte e della Valle d'Aosta. I risultati sono stati pubblicati la scorsa settimana. L’alunno Andrea Granato della attuale classe VA del liceo scientifico “Pascal” si è classificato al secondo posto e l’alunno Alessandro Valfrè della attuale classe VB del liceo scientifico “Pascal” si è qualificato in nona posizione a pari merito con altri sedici alunni. Gli altri partecipanti si sono classificati decimi a pari merito visto l’elevato livello dimostrato nelle prove. Tale risultato ribadisce ulteriormente il livello di eccellenza raggiunto dagli alunni del liceo scientifico dell’Istituto “Barletti” di Ovada. Grande la soddisfazione della docente di matematica e fisica, la prof.ssa Anna Maranzana, che, in qualità di responsabile del progetto, ha preparato e incentivato gli alunni ad affrontare in modo adeguato e maturo le attività proposte da tale iniziativa. La finalità, infatti, di “Digital Math Training” è quella di rafforzare sia le abilità matematiche-informatiche sia le competenze utili per la formazione di un cittadino più consapevole chiamato ad un ruolo attivo nei processi di trasformazione.


From Competence to Performance

From Competence to Performance

Progetto “From Competence to Performance”   Caratteristiche Questo progetto, relativo alla lingua inglese, si propone di avviare un percorso di potenziamento linguistico attraverso l’utilizzo integrato delle quattro abilità comunicative di base. Destinatari Il progetto è rivolto ai docenti di discipline non linguistiche del territorio per acquisire gli strumenti  necessari a programmare percorsi disciplinari in ottica CLIL e ad adulti interessati a consolidare e potenziare le competenze in lingua inglese a scopo comunicativo. Obiettivi Il progetto ha due obiettivi principali: motivare docenti di discipline non linguistiche ad un approccio veicolare della lingua inglese, attraverso l’uso integrato delle quattro abilità comunicative di base. fornire l’opportunità di documentare le competenze linguistiche acquisite nel percorso di studio individuale con una certificazione di livello. Tempi e articolazione del lavoro Il progetto prevede un intervento complessivo di 100 ore di lezione in presenza da ripartire in due diversi momenti operativi. Fase 1: s. 2019/2020              40 h in presenza finalizzate al raggiungimento del livello di competenza B1 (PET). Il monte ore indicato è suddiviso nel modo seguente in base alle abilità linguistiche esercitate: 10h Reading and Use of English (revisione delle strutture morfosintattiche e delle funzioni comunicative) 10h Writing 10h Listening 10h Speaking L’impegno settimanale è di un incontro di 2h   dal 29/10/2019 al 05/05/2020. L’esame di certificazione si svolgerà in data 09/05/2020 presso l’IIS Barletti di Ovada, l’iscrizione dei partecipanti dovrà essere comunicata entro il 10/03/2020.   Fase 2: s. 2020/2021 60 h in presenza finalizzate al raggiungimento del livello di competenza B2 ( FCE ). Il monte ore indicato è suddiviso nel modo seguente in base alle abilità linguistiche esercitate: 10h Reading 15h Writing 15h Use of English 10h Listening 10h Speaking ( con docente madrelingua ) L’impegno settimanale e le date degli incontri sono da stabilire in base al calendario scolastico del prossimo anno. Contenuti Fase 1 (Vedi Allegato 1) Metodo L’intervento didattico si basa sul metodo comunicativo, che presuppone il discente al centro del percorso educativo, quindi il docente facilitatore crea e promuove situazioni comunicative e guida il gruppo di lavoro alla produzione autonoma sia scritta che orale. La lezione frontale si svolge in L2 ed è costantemente integrata da momenti interattivi e attività a coppie.

PROGETTO TALENTI NEODIPLOMATI

PROGETTO TALENTI NEODIPLOMATI

Il progetto Talenti Neodiplomati, ideato e finanziato dalla Fondazione CRT, prevede 6 borse di studio per altrettanti posti di tirocinio post diploma all’estero rivolti agli studenti neodiplomati nell’a.s. 2018/2019 di tutte le classi 5 dell’Istituto di Istruzione Superiore “C. Barletti” di Ovada. Il progetto mira all’arricchimento culturale degli studenti nonché alla loro crescita personale e si propone i seguenti obiettivi: rafforzare l’indipendenza dei giovani fornire un’esperienza utile a orientare e ri-orientare il proprio percorso di studi e di carriera futura consolidare l’approccio all’interculturalità e alla dimensione europea. La finalità del progetto pertanto non è  la formazione linguistica o la costruzione di specifiche professionalità, ma piuttosto la volontà di far maturare competenze trasversali, quali la capacità di affrontare un ambiente nuovo e interculturale, la capacità di misurarsi con lingue e abitudini diverse, l’autonomia personale, la consapevolezza delle regole formali e informali da seguire in un ambiente lavorativo. L’esperienza si articola in due momenti: una breve fase di formazione pre-partenza (10h) che si è svolta prima della fine dell’anno scolastico, seguita da un soggiorno all’estero di 12 settimane da effettuarsi dopo il conseguimento del diploma. Il soggiorno all’estero prevede per tutta la sua durata un tirocinio full-time (35h a settimana) presso un ente o un’azienda e avrà luogo dal 20/07/2019 al 12/10/2019. Le destinazioni europee presso le quali i 6 borsisti svolgeranno l’attività di tirocinio sono: Spagna, Irlanda e Germania. La sistemazione prevista è di pensione completa in famiglia locale. I costi del progetto sono interamente coperti dai fondi erogati dalla Fondazione CRT. Il progetto è stato presentato a tutti gli alunni delle classi 5 dell’istituto che hanno risposto con entusiasmo alla proposta, per cui è stata stilata una graduatoria, in base ai criteri stabiliti dal bando, dalla quale sono stati selezionati i vincitori delle borse di studio ovvero: Cavanna Agnese 5  A Liceo Sc. OSA e Pastorino Riccardo 5 A Agraria che andranno a Malaga, Staniczek Martyna  5 A AFM e Pesce Elisa  5 A Agraria che andranno a Cork e infine Leppa Marco e Marchelli Federico 5 A Meccanica che andranno a Berlino dove potranno anche  frequentare un corso di 30h di lingua tedesca. E’ il primo anno che l’istituto partecipa al progetto proposto dalla Fondazione CRT ed è orgoglioso di poter offrire ai propri alunni un’opportunità di crescita di respiro internazionale.          


Gli studenti dellIIS Barletti al Liceo Lajos Kossuth per lo scambio culturale

Gli studenti dell'IIS Barletti al Liceo Lajos Kossuth per lo scambio culturale

Progetto che unisce l'Istituto Superiore Barletti di Ovada e il Liceo di Cégled, vicino Budapest in Ungheria Settimana di scambio culturale quella dal 10 al 17 settembre per un gruppo di studenti e studentesse delle classi IVA, VA e VB del Liceo Scientifico e VA del Liceo Scientifico Scienze Applicate con il Liceo Lajos Kossuth. I ragazzi accompagnati dalle Professoresse Enrica Secondino  e Rossella Parodi si recheranno in Ungheria nell'ambio del progetto interculturale che era partito a Febbraio quando un gruppo di studenti ovadesi con le loro famiglie aveva ospitato nel nostro territorio una ventina di studenti ungheresi.  "Questo progetto culturale e interdisciplinare  – dichiarano le professoresse - si inserisce perfettamente nel programma di potenziamento delle lingue del nostro istituto: i ragazzi infatti avranno non solo l'occasione di praticare la lingua inglese in maniera diretta ma l'opportunità di confrontarsi con una cultura differente per abitudini ed usanze.  Al mattino gli studenti italiani frequenteranno le lezioni insieme ai compagni e saranno testimoni di un sistema scolastico articolato diversamente da quello italiano mentre al pomeriggio parteciperanno a visite guidate sul territorio, Sono previste attività a Cégled, cittadina ospitante e ad altre località limitrofe come Kecskemete e Csemo. Non mancherà la visita alla capitale Budapest con  percorso  guidato al Parlamento, palazzo  che si trova sulla sponda del Danubio, simbolo della città e sede dell'Assemblea nazionale ungherese. Prima del ritorno in Italia è previsto anche una tappa sula Lago Balaton, il più grande lago dell'Europa centrale, a crirca  100 km a sud ovest di Budapest,  

ESTATE ALLESTERO PER I NOSTRI STUDENTI

ESTATE ALL'ESTERO PER I NOSTRI STUDENTI

E’ stata un’estate di interessanti attività all’estero per un numero significativo di  studenti dell’IIS Barletti di Ovada. In continuità con il nuovo accreditamento dell’Istituto come Scuola Internazionale Cambridge, la proposta di potenziamento linguistico e culturale nei mesi estivi si è svolta a Bury St. Edmunds, una tranquilla località nella contea del Suffolk, a pochi chilometri da Cambridge. Dalla seconda metà di luglio, per due settimane, gli studenti ovadesi hanno scoperto gli usi e i costumi della vita quotidiana britannica, alloggiando in famiglie selezionate del territorio. Il confronto con abitudini e comportamenti differenti ha rappresentato un valore aggiunto all’esperienza di full immersion in un contesto autentico. Tutti gli studenti hanno frequentato, in orario mattutino, un corso di lingua Inglese, tenuto da docenti nativi e strutturato su vari livelli, mentre per le attività pomeridiane è stata prevista un’articolazione in base all’età. Gli studenti del biennio hanno partecipato ad un programma di escursioni e visite guidate, quali ad esempio la cattedrale di Ely, la casa natale di Oliver Cromwell e l’Imperial War Museum a Duxford, gli studenti del triennio invece sono stati impegnati in attività lavorative in vari settori (ristorazione, attività commerciali, charity shops) nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (ex Alternanza Scuola Lavoro). Il fine settimana è stato dedicato alla scoperta dei principali landmarks di Londra e alla visita di Cambridge con l’immancabile gita in barca a remi lungo il corso del fiume Cam che costeggia i più famosi college della città. Ma l’impegno delle docenti funzioni strumentali per le lingue straniere non si è concluso con il rientro in Italia nel mese d’agosto perché in contemporanea hanno monitorato a distanza gli studenti che stanno partecipando al progetto “Talenti Neodiplomati” finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Si tratta di una preziosa opportunità di 6 borse di studio per altrettanti posti di tirocinio post diploma all’estero per un periodo di 12 settimane. I borsisti si trovano in tre località europee diverse in Spagna, Irlanda e Germania e inviano quotidianamente feedback positivi che garantiscono il progredire del progetto. Infine il nuovo anno scolastico si apre con la seconda fase dello Scambio Culturale con l’Istituto Superiore Kossuth Lajos della città di Cegléd in Ungheria. Dopo il primo momento di accoglienza nel febbraio scorso, i 28 studenti del Barletti che hanno offerto ospitalità faranno visita ai loro partner ungheresi per una settimana dal 10 al 17 settembre. Il programma inviato dalle docenti ungheresi appare denso di attività e ricco di stimoli culturali tra i quali la visita guidata del Parlamento a Budapest e un weekend al Lago Balaton



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.